Collaborazione per Disturbances, di Leonid Tsvetkov

A cura di Manuela Pacella, presso la galleria d’arte contemporanea Ex Elettrofonica.

exele2

Invaghitosi del romano Monte Testaccio e della sua unicità, Leonid Tsvetkov (Novgorod, 1980; vive ad Amsterdam) si è messo ad “archeologizzare” gli scarti del nostro presente consumista; ha così realizzato calchi in cemento dei più umili contenitori che si usano (e gettano) oggi, per sovvertirne essenza ed aspetto in qualcosa di stabile e arcaico. La scelta di impilarli strutturando stalattiti brancusiane, un po’ sovraccarica sul piano concettuale, sembra tener conto principalmente dei connotati del contesto espositivo. A rendere la visita un’esperienza appagante è infatti più che altro il contrappunto che si instaura, in termini formali, tra la verticalità brulla degli innesti, e l’atmosfera baroque-spacey degli spazi zahadidiani di Ex-Elettrofonica [Art Tribune]. Durante il suo soggiorno romano nella primavera del 2014, WAR ha collaborato con l’artista alla realizzazione dei calchi in cemento e alla composizione dei totem.